poland greece united-kingdom spain germany france italy

Equisetum arvense

Contrasta la penetrazione attiva dei funghi patogeni.

Produttore SKL
Formulazione Liquido
Registrazione n°

Descrizione

Il decotto e il macerato di Equiseto sono due fungicidi  naturali molto efficaci. La pianta, genere Equisetum, della famiglia botanica delle Equisatacee, detta anche Coda Cavallina, cresce spontanea ed è ampiamente diffusa nel nostro Paese. 


Questa pianta così importante per la difesa biologica dalle malattie crittogamiche e dai parassiti delle piante contiene importanti elementi costitutivi come:
l’acido salicilico, il silice, l’acido ossalico, i sali solforici, modeste quantità di alcaloidi, flavonoidi, equisetina, altre sostanze minerali come calcio, potassio, alluminio, magnesio e manganese. 


Il contenuto in Silice è elevato (circa il 17% delle ceneri), e questo, insieme alla presenza congiunta degli altri elementi, ne fa un eccellente fungicida naturale per la difesa biologica da malattie crittogamiche come l’oidio e la peronospora in quanto è in grado di rafforzare la cuticola fogliare delle colture ispessendola. Questo rende più difficile per gli agenti patogeni attecchire attraverso il deposito delle loro spore sulle foglie  delle piante trattate. Allo stesso tempo, l’applicazione sulle foglie svolge un’efficace funzione repellente per molti insetti parassiti, tra cui afidi e acari.

Equisetum arvense

Contrasta la penetrazione attiva dei funghi patogeni.

Foto di Equisetum arvense

Descrizione


Il decotto e il macerato di Equiseto sono due fungicidi  naturali molto efficaci. La pianta, genere Equisetum, della famiglia botanica delle Equisatacee, detta anche Coda Cavallina, cresce spontanea ed è ampiamente diffusa nel nostro Paese. 


Questa pianta così importante per la difesa biologica dalle malattie crittogamiche e dai parassiti delle piante contiene importanti elementi costitutivi come:
l’acido salicilico, il silice, l’acido ossalico, i sali solforici, modeste quantità di alcaloidi, flavonoidi, equisetina, altre sostanze minerali come calcio, potassio, alluminio, magnesio e manganese. 


Il contenuto in Silice è elevato (circa il 17% delle ceneri), e questo, insieme alla presenza congiunta degli altri elementi, ne fa un eccellente fungicida naturale per la difesa biologica da malattie crittogamiche come l’oidio e la peronospora in quanto è in grado di rafforzare la cuticola fogliare delle colture ispessendola. Questo rende più difficile per gli agenti patogeni attecchire attraverso il deposito delle loro spore sulle foglie  delle piante trattate. Allo stesso tempo, l’applicazione sulle foglie svolge un’efficace funzione repellente per molti insetti parassiti, tra cui afidi e acari.

Dosi d'impiego


Le preparazioni più diffuse che si possono fare con i fusti sterili sono: il macerato di equiseto e il decotto di equiseto.  


Per la preparazione di entrambi vale il seguente dosaggio:  1 kg di pianta verde (o 150 gr di pianta secca) per 10 litri d’acqua


Per preparare il macerato di equiseto bisogna mettere a mollo la quantità di pianta verde desiderata per 7-10 giorni.
Una volta messo a bagno, l’equiseto inizia a fermentare e a produrre schiuma. Quando la produzione di schiuma si arresta il macerato è pronto e può essere filtrato.

Per la macerazione si consiglia di utilizzare recipienti in terracotta o al più in plastica dura. Evitate metalli e vetroresina, inoltre è bene posizionare il contenitore in un luogo ombreggiato.
Per la conservazione del macerato consigliamo invece l’utilizzo di bottiglie di vetro di colore scuro.  Una volta preparato il macerato di equiseto può essere diluito in ulteriori 5 parti d’acqua.

Per il decotto di equiseto bisogna mettere in una pentola con acqua la quantità di pianta verde desiderata e lasciare riposare per 24 ore in modo da farne abbassare il volume. 

A questo punto si accende il fuoco sotto la pentola a fiamma bassa fino ad ebollizione. Una volta arrivati al punto di ebollizione si chiude il fuoco, si lascia raffreddare e si filtra.
Anche il decotto può essere diluito in ulteriori 5 parti d’acqua.

Utilizzare il preparato sempre nelle ore fresche della giornata nebulizzando la soluzione  direttamente sulle foglie. Per migliorare l’efficacia delle preparazioni a base di equiseto si può aggiungere il silicato di sodio. Quest’ultimo è consigliato poiché va ad aumentare l’efficacia e la persistenza dell’equiseto sulle lamine fogliari. Ovviamente il silicato di sodio è un prodotto il cui uso è consentito in agricoltura biologica.

Altra aggiunta che si può fare per migliorare l’efficacia sia del decotto che del macerato di equiseto, è quella del sapone di Marsiglia. In questo modo avremo una migliore adesività della soluzione.
Per proteggere dalle malattie fungine, sia il macerato che il decotto possono essere irrorati sulle piante con una cadenza quindicinale.
Se le condizioni ambientali tendono a favorire la proliferazione della patologia, ad esempio in un periodo di piogge alternato a forte caldo, se ne può aumentare la frequenza.

Infine, se usato come antiparassitario, l’equiseto può essere utilizzato, in maniera congiunta o alternata, con altri preparati naturali come il macerato d’ortica, l’infuso d’aglio e il macerato di foglie e femminelle di pomodoro.


AVVERTENZE:

Il prodotto va utilizzato da solo. È preferibile evitare miscele con prodotti ma se necessario è comunque buona norma eseguire una piccola prova di miscibilità prima dell'uso.

Leggi tutto

Dosi d'impiego


Le preparazioni più diffuse che si possono fare con i fusti sterili sono: il macerato di equiseto e il decotto di equiseto.  


Per la preparazione di entrambi vale il seguente dosaggio:  1 kg di pianta verde (o 150 gr di pianta secca) per 10 litri d’acqua


Per preparare il macerato di equiseto bisogna mettere a mollo la quantità di pianta verde desiderata per 7-10 giorni.
Una volta messo a bagno, l’equiseto inizia a fermentare e a produrre schiuma. Quando la produzione di schiuma si arresta il macerato è pronto e può essere filtrato.

Per la macerazione si consiglia di utilizzare recipienti in terracotta o al più in plastica dura. Evitate metalli e vetroresina, inoltre è bene posizionare il contenitore in un luogo ombreggiato.
Per la conservazione del macerato consigliamo invece l’utilizzo di bottiglie di vetro di colore scuro.  Una volta preparato il macerato di equiseto può essere diluito in ulteriori 5 parti d’acqua.

Per il decotto di equiseto bisogna mettere in una pentola con acqua la quantità di pianta verde desiderata e lasciare riposare per 24 ore in modo da farne abbassare il volume. 

A questo punto si accende il fuoco sotto la pentola a fiamma bassa fino ad ebollizione. Una volta arrivati al punto di ebollizione si chiude il fuoco, si lascia raffreddare e si filtra.
Anche il decotto può essere diluito in ulteriori 5 parti d’acqua.

Utilizzare il preparato sempre nelle ore fresche della giornata nebulizzando la soluzione  direttamente sulle foglie. Per migliorare l’efficacia delle preparazioni a base di equiseto si può aggiungere il silicato di sodio. Quest’ultimo è consigliato poiché va ad aumentare l’efficacia e la persistenza dell’equiseto sulle lamine fogliari. Ovviamente il silicato di sodio è un prodotto il cui uso è consentito in agricoltura biologica.

Altra aggiunta che si può fare per migliorare l’efficacia sia del decotto che del macerato di equiseto, è quella del sapone di Marsiglia. In questo modo avremo una migliore adesività della soluzione.
Per proteggere dalle malattie fungine, sia il macerato che il decotto possono essere irrorati sulle piante con una cadenza quindicinale.
Se le condizioni ambientali tendono a favorire la proliferazione della patologia, ad esempio in un periodo di piogge alternato a forte caldo, se ne può aumentare la frequenza.

Infine, se usato come antiparassitario, l’equiseto può essere utilizzato, in maniera congiunta o alternata, con altri preparati naturali come il macerato d’ortica, l’infuso d’aglio e il macerato di foglie e femminelle di pomodoro.


AVVERTENZE:

Il prodotto va utilizzato da solo. È preferibile evitare miscele con prodotti ma se necessario è comunque buona norma eseguire una piccola prova di miscibilità prima dell'uso.

Foto
Anteprima foto
Foto

PRENOTALO SUBITO!

iva escl.
-- € iva escl.
Confezione

Quantità
- +
Totale
{{ totalFormatted }} €
ACCEDI PER I PREZZI