poland greece united-kingdom spain germany france italy

Bentonite

Corroborante a base di farina di Roccia

Produttore SKL
Formulazione Polvere per trattamenti a secco
Registrazione n°

Descrizione

Il maggior componente delle polveri di pietra è in generale l’acido silicico; la polvere di basalto ne può contenere fino al 75%. Insieme all'acido silicico si trovano, a seconda della composizione della polvere, percentuali diverse di magnesio, calcio e microelementi (quali ferro, rame e molibdeno).


Meccanismo d’azione


L’acido silicico favorisce l’irrobustimento delle foglie e degli steli, inoltre la sua composizione, comprendente elementi minerali e microelementi, contribuisce a rinforzare la pianta. La polvere di roccia esplica, inoltre, azione meccanica (barriera fisica) e, grazie alle sue caratteristiche igroscopiche, può agire come disidratante asciugando la parte esterna dei vegetali e riducendo, in tal modo, i rischi di proliferazione e sviluppo dei parassiti.

Bentonite

Corroborante a base di farina di Roccia

Foto di Bentonite

Descrizione


Il maggior componente delle polveri di pietra è in generale l’acido silicico; la polvere di basalto ne può contenere fino al 75%. Insieme all'acido silicico si trovano, a seconda della composizione della polvere, percentuali diverse di magnesio, calcio e microelementi (quali ferro, rame e molibdeno).


Meccanismo d’azione


L’acido silicico favorisce l’irrobustimento delle foglie e degli steli, inoltre la sua composizione, comprendente elementi minerali e microelementi, contribuisce a rinforzare la pianta. La polvere di roccia esplica, inoltre, azione meccanica (barriera fisica) e, grazie alle sue caratteristiche igroscopiche, può agire come disidratante asciugando la parte esterna dei vegetali e riducendo, in tal modo, i rischi di proliferazione e sviluppo dei parassiti.


Composizione


Dosi d'impiego

È necessario trattare preventivamente le colture interessate, soprattutto i vigneti, sin dalle prime fasi vegetative, in modo tale da applicare la Bentonite su superfici che in futuro saranno difficilmente raggiungibili. 


Si suggeriscono dunque una o più applicazioni di Bentonite in post fioritura, mentre per la vite è consigliabile un trattamento incisivo in pre-chiusura grappolo.


Trattamenti polverulenti: utilizzare 25-75 kg/ha di Bentonite per ogni trattamento, preferendo giornate asciutte e soleggiate. Le giornate umide o piovose riducono l’efficacia dei trattamenti. Su vite si consiglia di abbinare Bentonite alle normali solforazioni con Zolfi ventilati.

Leggi tutto

Composizione

Il suo costituente più importante è la montmorillonite, un minerale argilloso appartenente alla classe dei fillosilicati smectiti.

Dosi d'impiego

È necessario trattare preventivamente le colture interessate, soprattutto i vigneti, sin dalle prime fasi vegetative, in modo tale da applicare la Bentonite su superfici che in futuro saranno difficilmente raggiungibili. 


Si suggeriscono dunque una o più applicazioni di Bentonite in post fioritura, mentre per la vite è consigliabile un trattamento incisivo in pre-chiusura grappolo.


Trattamenti polverulenti: utilizzare 25-75 kg/ha di Bentonite per ogni trattamento, preferendo giornate asciutte e soleggiate. Le giornate umide o piovose riducono l’efficacia dei trattamenti. Su vite si consiglia di abbinare Bentonite alle normali solforazioni con Zolfi ventilati.

Foto
Anteprima foto
Foto

PRENOTALO SUBITO!

{{ currentPriceFormatted }} € iva escl.
-- € iva escl.
Confezione

Quantità
- +
Totale
{{ totalFormatted }} €
ACCEDI PER I PREZZI